Festa di San Francesco e saluto ai frati di Montepaolo nella chiesa di corso Garibaldi

Nella chiesa di San Francesco, in corso Garibaldi, si celebra martedì 4 ottobre la festa del Patrono d’Italia. Alle 9 il vescovo mons. Lino Pizzi presiederà la concelebrazione eucaristica con la partecipazione delle autorità civili e militari mentre alle 18 sarà celebrata la messa serale. La festa del patrono d’Italia sarà anche occasione per salutare e ringraziare la comunità francescana che, come deciso dal consiglio provinciale dei Frati Minori, lascerà dopo la festa l’eremo di Montepaolo e la chiesa corso Garibaldi.

Il Vescovo ha invitato per questo i sacerdoti a concelebrare con lui alla messa del mattino mentre alla messa della sera saranno gli amici e i fedeli a salutare.

Figlio del ricco mercante Bernardone, dopo la giovinezza turbolenta obbedì alla voce di Dio che lo invitava a ricostruire la Chiesa. Visse per alcuni anni in penitenza e nel 1209 iniziò a predicare il Vangelo, mentre si univano a lui i primi discepoli, insieme ai quali si recò a Roma per avere dal Papa l’approvazione della sua scelta di vita. Dal 1210 al 1224 peregrinò per le strade d’Italia e dovunque accorrevano folle numerose e schiere di discepoli che si univano a lui dando origine ai francescani. Arrivò a predicare fino in Africa tra i musulmani, morì nella notte tra il 3 il 4 ottobre del 1228.

Il 16 luglio 1230, papa Gregorio IX a meno di due anni dalla morte, lo proclamò santo. Papa Pio XII, indicandolo come il “più italiano dei santi e più santo degli italiani” il 18 giugno 1939 lo proclamò Patrono principale d’Italia.